• Vapiano
  • Vapiano
  • The Old Irish Pub
  • Municipio
  • Hard Rock Cafe
  • Tivoli
  • Municipio
  • Cattedrale di Nostra Signora
  • Rundetaarn
  • Rundetaarn
  • Det Kongelige Teater
  • Magasin du Nord
  • Nyhavn
  • Nyhavn
  • Nyhavn
  • Nyhavn
  • Nyhavn
  • Palazzo di Amalienborg
  • Palazzo di Amalienborg
  • Frederiks Kirke
  • Frederiks Kirke
  • St Alban's Church
  • Fontana di Gefion
  • La Sirenetta
  • Kastellet
  • Kastellet
  • Kastellet
  • Kastellet
  • Kastellet
  • Kastellet
  • Kastellet
  • Kastellet
  • Kastellet
  • Kastellet
  • The Dubliner
  • Kongelige Slotte
  • Kongelige Slotte
  • Vor Frelsers Kirke
  • Christiania
  • Christiania
  • The Old Irish Pub
  • Helligaandskirken
  • Rosenborg Slot
  • fbt
  • Rosenborg Slot
  • Nyboder
  • Nyboder
  • Nyboder
  • Nyboder
  • Nyboder
  • Nyboder
  • Nyboder
  • Nyboder
  • Torvehallerne
  • Torvehallerne
  • Centro Di Architettura Danese
  • Centro Di Architettura Danese
  • Det Kongelige Bibliotek
  • Det Kongelige Bibliotek
  • Skatteministeriet
  • Det Kongelige Bibliotek
  • Five Circles Pedestrian Bridge
  • Det Kongelige Bibliotek
  • Skatteministeriet
  • Inderhavnsbroen
  • Copenaghen Opera House
  • street food
  • street food
  • street food
  • Trangravsbroen

COPENAGHEN

postato in: Week-End | 0

Partecipanti: Davide, Giovanni, Marco, Stefano.
Viaggio in: Aereo https://www.ryanair.com/it/it
Guida: lonely planet, la Bibbia dei viaggiatori.
Assicurazioni: Europ Assistance, Ag. di Rimini – Tel 0541782090 – paolo@mollotuttoeparto.com
Siti internet utili: https://www.visitdenmark.it; https://www.visitcopenhagen.com/;

THE HISTORY: è luglio ed è il compleanno di Stefano, lo festeggiamo al Pub Time! Cosa gli facciamo di regalo? Un biglietto aereo a/r per Copenaghen! Quando andiamo? A ottobre per il compleanno di Giovanni, così festeggeremo anche a Copenaghen. Ogni scusa è buona per viaggiare!!!

04/10/2019 IL VIAGGIO: andiamo all’aeroporto di Bologna con la macchina di Giovanni, e dopo le solite procedure d’imbarco, partiamo per Copenaghen. Sul volo il mitico Marco tenta l’approccio con delle ragazze, che a suo dire ci vogliono invitare in un castello, (a suo dire) quindi noi non ci fidiamo, ed una volta atterrati prendiamo un taxi e ci dirigiamo al First Hotel Mayfair l’hotel che abbiamo scelto, ottimo per posizione e struttura (consigliato). Fatto il check-in, è già arrivata ora di cena, lungo la strada per andare in centro c’è il mitico Vapiano e noi ne approfittiamo. Stasera serata relax e dopo un giro per il centro ci fermiamo a fare serata al Hard Rock Cafe.

05/10/2019 Di prima mattina io (Davide) e Stefano usciamo dall’hotel e ci fermiamo a fare colazione al Espresso House Tivoli (ce ne sono moltissimi sparsi per la città) costosa ma buona (brioche + cappuccino 10€ circa). Quindi iniziamo la visita di Copenaghen partendo dalla Rådhuspladsen la piazza del Municipio quindi proseguendo lungo la Vestergade arriviamo alla Cattedrale di Nostra Signora nulla di indimenticabile, poco dopo ecco la Rundetaarn, costruita nel 1642 dal re Cristiano IV di Danimarca, è uno degli edifici più iconici della Danimarca ed un punto di riferimento di Copenaghen. Proseguendo arriviamo alla bella Kongens Nytorv la vecchia piazza centrale circondata da importanti edifici come il bellissimo Det Kongelige Teater, il Kunsthal Charlottenborg e i Magasin du Nord un bel centro commerciale. Ed eccoci nella zona dell’antico porto dello Nyhavn, il luogo che più di ogni altro viene associato alla città di Copenaghen, con le caratteristiche case colorate e pieno di locali ricolmi di turisti che mangiano a qualsiasi ora. All’inizio del Nyhavn c’è l’Ancora Commemorativa, il memoriale rappresenta gli sforzi della marina mercantile danese al D-Day nel nord della Francia nel 1944. I nomi delle circa 1600 persone che morirono sul mare sono scritti su pergamena e posati in una capsula di piombo sotto l’ancora. Arrivati in fondo al porto, ammiriamo la Royal Danish Playhouse un teatro moderno e, dall’altra parte del canale, vediamo la Copenaghen Opera House. Ci raggiungono anche Giovanni e Marco e tutti insieme ci dirigiamo al bel Palazzo di Amalienborg che vediamo solamente da fuori mentre entriamo nella bella Frederiks Kirke meritevole della visita. La giornata è ricca di appuntamenti, ma noi ne abbiamo uno speciale, ci aspetta LA SIRENETTA quindi avanti tutta, lungo il percorso vediamo St Alban’s Church e Fontana di Gefion, ancora qualche passo ed eccola lì ad aspettarci sullo scoglio La Sirenetta, il simbolo di Copenaghen, ispirata all’omonima favola scritta dallo scrittore danese Andersen. Molto famosa, è meta di tante persone da tutto il mondo che giungono a Copenaghen per ammirare la statua che guarda sognante verso l’orizzonte. L’opera è stata commissionata nel 1909 dal proprietario della Carlsberg, al fine di ornare la città e farne un simbolo e da allora non hai mai smesso di attirare tanti visitatori ogni anno. Davanti a noi si erge, da un fossato ed immersa nel verde, la Kastellet l’antica fortezza militare, con ordinate casette rosse dai tetti spioventi. Tutta la zona ha una pianta a forma di stella meritevole della passeggiata nel verde. Si è fatta una certa ora e stanchi dalla lunga camminata mattutina, una volta tornati nel centro, ci fermiamo a mangiare al bellissimo The Dubliner (consigliatissimo). Dopo la sosta ristoratrice (ci voleva proprio) ripartiamo dal bello Kongelige Slotte un castello da vedere assolutamente, poi proseguiamo direzione Christiania e visitiamo la bella Vor Frelsers Kirke con un campanile stupendo, ed eccoci arrivati a Christiania che non è solamente un quartiere di Copenaghen ma una vera e propria cittadina “indipendente” all’interno di Copenaghen. Passiamo la serata girando per locali, festeggiando il compleanno di Giò, tra cui merita una menzione il The Old Irish Pub.

06/10/2019 Oggi il gruppo esce unito e compatto, e come prima cosa visitiamo la Helligaandskirken e poi via di corsa al Rosenborg Slot con un bellissimo giardino, ma l’attrazione principale della giornata e il Nyboder uno storico quartiere di case a schiera dell’ex caserma navale di Copenaghen da girare in lungo e in largo entrando possibilmente anche nei cortili interni. A pranzo ci spostiamo al Torvehallerne un mercato di prodotti freschi dove si può acquistare e mangiare, sia all’interno che, come noi, all’esterno in una giornata di sole, tutto veramente ottimo e meritevole. Oggi nel pomeriggio in giro a cazzeggio e la sera cena nel Pub sotto l’hotel per vedere la partita di calcio.

07/10/2019 Dopo la solita costosissima colazione, iniziamo il nostro tour in una zona molto moderna di Copenaghen, il Centro Di Architettura Danese edificio molto particolare che noi vediamo solo all’esterno, e subito dietro il Lille Langebro un bel ponte per biciclette e pedoni, quindi proseguendo lungo il canale troviamo la Det Kongelige Bibliotek molto bella in esterno ma merita anche una visita all’interno. Dall’altro lato del canale, proprio di fronte alla bibliotek vediamo il curiosissimo Five Circles Pedestrian Bridge un ponte per biciclette e pedoni la cui particolarità non è solo l’aspetto estetico ma è anche dovuta al fatto che è scorrevole in modo da acconsentire il passaggio delle barche. A fianco al ponte ci sono gli Skatteministeriet gli uffici statali, quindi vista anche la bellissima giornata, proseguiamo lungo la splendida Havnegade Harbour Promenade che termina al Inderhavnsbroen un ponte moderno e anche questo con un ingegnoso sistema di apertura per permettere il passaggio delle imbarcazioni. Noi lo attraversiamo e proprio alla fine del ponte troviamo una zona di street food dove si può mangiare a buon prezzo, quindi attraversiamo anche il Trangravsbroen altro ponte mobile costituito da un incrocio e arriviamo alla Copenaghen Opera House una bella struttura. Quindi facciamo un giro in zona e poi torniamo in centro al cazzeggio e allo shopping. La sera abbiamo deciso di fare un giro senza meta tra le vie del centro è scopriamo delle piazzette, dove cenare, veramente spettacolari.

08/10/2019 Sveglia presto perché abbiamo il volo di rientro alle 7:05.

Che dire di Copenaghen, città carissima come quasi tutte le città del nord Europa, ma veramente bella è tranquilla. Tre giorni se si vuole visitare solo il centro sono sufficienti. Noi avevamo l’hotel praticamente attaccato ai famosi giardini Tivoli ma erano chiusi per un convegno e quindi non li abbiamo visti ma dicono siano molto belli.

Auguri Giovanni e Stefano!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *